‘Prodotto di montagna’: via libera dalla Conferenza Stato Regioni alla introduzione della indicazione facoltativa di qualità

Cristiano Fini, presidente Cia: “Dovrebbe portare benefici ai produttori dell’Appennino modenese e contribuire a mantenere la presenza dell’uomo sul territorio”

MODENA, 28 GIUGNO 2017 - ‘Dovrebbe portare benefici ai produttori dell’Appennino modenese e dare un impulso anche all’indotto”. Commenta in questo modo Cristiano Fini, presidente della Cia – Agricoltori Italiani di Modena il via libera della Conferenza  Stato Regioni  all’indicazione facoltativa di qualità “prodotto di montagna”. Il provvedimento Dovrebbe dare rilievo alle produzioni montane e al loro valore non solo economico, ma sociale e di tenuta del territorio.

Si tratta di uno strumento a disposizione per gli operatori delle zone montane, che potranno accrescere la redditività facendo leva sulla riconoscibilità dei prodotti.

“È una ulteriore possibilità, oltre che incentivo, per evidenziare il lavoro degli agricoltori di montagna che producono qualità della materia prima e dei prodotti trasformati – spiega Fini – si tratta inoltre di un sostegno ad una agricoltura svantaggiata e che produce con costi maggiori, spese che possono essere compensate dal valore aggiunto, alla vendita, di un prodotto riconosciuto da una dicitura in etichetta ad hoc. Inoltre – prosegue – il valore che genera è utile a mantenere i coltivatori sul territorio che, lo ribadisco, restano un presidio insostituibile delle aree montane e non solo: in una equazione, più reddito e maggior presenza dell’uomo”.

Con il Decreto si concretizza quindi uno strumento efficace per gli operatori delle zone montane che potranno accrescere la redditività facendo leva sulla riconoscibilità dei prodotti, e allo stesso tempo garantire maggiore tutela ai consumatori, che chiedono sempre più trasparenza e informazione.

Per i prodotti di origine animale, in sintesi, l’indicazione facoltativa di qualità “prodotti di montagna” può essere applicata ai prodotti ottenuti da animali allevati nelle zone di montagna e lì trasformati, come, ad esempio il parmigiano reggiano, ma possono beneficiarne anche i prodotti dell’apicoltura, piante e spezie.

Acieloaperto

Rubrica settimanale di agricoltura e alimentazione
visita il sito per vedere le puntate

seguici anche su

Galleria fotografica

Foto Ufficio Stampa

Contatore visite

Visite agli articoli
527181

Agriturismo

Visita il sito degli agriturismi emiliano romagnoli associati alla Confederazionetutti gli agriturismi dell'Emilia Romagna associati alla Cia

Intranet

Newsletter

Inserisci qui sotto la tua email e un nome utente per registrati alla newsletter gratuita di Agrimpresa
Privacy e Termini di Utilizzo

Agrimpresa


leggi on line l'ultimo numero del magazine della Cia Emilia-Romagna

Compro e Vendo

mercatino dell'usato agricolo emiliano-romagnolo
 
consulta la Guida per una spesa a filiera corta!
Joomla templates by Joomlashine