Decreto “salva conti”

NOVITA’ IN MATERIA DI OPZIONI DI CESSIONE DEL CREDITO E SCONTO IN FATTURA. Il DL 39/2024 pubblicato il giorno 29 marzo 2024 ed in vigore dal 30/03/2024 introduce nuove disposizioni in materia di detrazione del 110% che limitano ulteriormente la possibilità di opzione per la cessione del credito / sconto in fattura.
La facoltà di procedere alla cessione del credito/sconto in fattura nell’ambito dei bonus edilizi è stata più volte oggetto di modifiche normativa negli ultimi tempi, con la progressiva introduzione di requisiti (di congruità, attestazioni SOA, ecc.) e di restrizione della facoltà di cessione del credito e sconto in fattura.

Nuove comunicazioni per i crediti di imposta 4.0

Il DL 39/2024 pubblicato il giorno 29 marzo 2024 ed in vigore dal 30/03/2024 introduce una nutrita serie di comunicazioni per le imprese che si avvalgono dei bonus sugli investimenti ed in particolare 4.0 sia se ancora da realizzare sia se realizzati dal 1 gennaio 2024 ma anche se realizzati nel 2023.
Tali comunicazioni si inseriscono in un più ampio disegno di monitoraggio dei crediti di imposta che ha toccato anche la cessione dei crediti da ristrutturazioni edilizie e superbonus.

LEGGE IMPRENDITORIA GIOVANILE

Nella seduta del 28 febbraio 2024 il Senato ha approvato definitivamente la proposta di legge n. 931 recante “Disposizioni per la promozione e lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile nel settore agricolo” già approvata dalla Camera (A.C.752-A) nella seduta del 9 novembre 2023. Il provvedimento è ora in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta ufficiale.

Informazioni sulle ulteriori proposte presentate dalla Commissione UE

Di seguito alcune informazioni sulle ulteriori proposte presentate dalla Commissione UE per
contribuire a ridurre l’onere amministrativo gravante sugli agricoltori e proposte di interventi
per agire sul valore lungo la filiera.

Cia Agricoltori italiani si sta impegnando anche per fare in modo che la Commissione intervenga sulla possibilità di ampliare (almeno raddoppiando) la soglia del De Minimis, così da consentire l’uso efficiente delle risorse rese disponibili per supportare le aziende colpite da particolari problematiche fitosanitarie e/o epizoozie.

La Commissione europea ha presentato una serie di azioni a breve e medio termine da adottare in risposta alla crisi che sta attraversando il settore agricolo. Venerdì 15 marzo, proseguendo questo percorso e in coerenza con quanto annunciato a febbraio, la Commissione europea ha presentato un’ulteriore proposta di Regolamento per la semplificazione della Pac attuale e ha annunciato un documento di lavoro sul valore degli agricoltori lungo la filiera alimentare.
In estrema sintesi, la proposta di Regolamento, che sarà sottoposta ad approvazione sia da parte del Consiglio e del Parlamento europeo nelle prossime settimane, interviene sulla modifica mirata degli atti di
base della PAC per quanto riguarda gli aspetti legati alle norme della condizionalità, al numero
di modifiche possibili all’anno per i PNS e a deroghe su controlli e sanzioni.

Inoltre, per contribuire al rafforzamento della posizione degli agricoltori nella filiera alimentare, la Commissione ha intenzione di presentare diverse azioni da attuare a breve e medio termine. La Commissione effettuerà anche una valutazione approfondita della direttiva sulle pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare.

Le discussioni con gli Stati membri si svolgeranno a partire dal prossimo Consiglio “Agricoltura” del 26 marzo.

Si ricorda che la Commissione ha lanciato il sondaggio online (EUSurvey – Survey
(europa.eu
)) per conoscere l’opinione diretta degli agricoltori sugli oneri che gravano su di loro.
La consultazione rimarrà aperta fino al prossimo 8 aprile.

Il tema della gestione del rischio è in continua evoluzione. Molte problematiche aperte e tante incertezze – Le azioni di Cia

Nella serata di approfondimento organizzata da Cia Romagna insieme al Condifesa Ravenna e al Condifesa Romagna sono stati esaminati gli strumenti a cui gli agricoltori possono accedere per la gestione del rischio: difesa attiva, la spigolosa questione della difesa passiva (assicurazioni) e Agricat. Oltre 130 i partecipanti fra chi era in presenza e chi era collegato. I relatori erano: Stefano Francia, presidente Cia Emilia-Romagna, vicepresidente Asnacodi e presidente del Condifesa Ravenna; Manuel Quattrini, vicedirettore Cia Emilia-Romagna e consigliere Caa Cia nazionale; Claudio Bartolini, vicepresidente Condifesa Romagna; Fabio Pesci, direttore Condifesa Ravenna. Ha Introdotto e presieduto i lavori Danilo Misirocchi, presidente Cia Romagna.

“Il tema della gestione del rischio in agricoltura è in continua evoluzione con molte problematiche aperte e diverse incertezzeha affermato Danilo Misirocchi, presidente di Cia RomagnaIncertezze che riguardano in particolare la difesa passiva, cioè la possibilità da parte delle aziende agricole di potersi assicurare. I recenti cambiamenti di indirizzo sul tema da parte del Ministero rendono ancora più complessa la situazione”.

Le compagnie assicurative nelle ultime campagne – con il verificarsi di sempre più eventi climatici estremi – hanno registrato prevalentemente risultati negativi; c’è stato un considerevole aumento delle tariffe assicurative e una diminuzione della capacità di copertura da parte delle compagnie stesse e una loro disaffezione a questo settore.

In tutto questo ci sono gli agricoltori che sulla campagna 2022 hanno ricevuto solo il 40% del contributo sull’assicurazione agevolata anziché il 70% e nulla è stato erogato per la campagna 2023. Ad oggi, marzo 2024, non si sa come si chiuderanno queste due campagne (le modifiche sono avvenute dopo gli accordi) e non si sa ancora quali siano i parametri per il 2024 in corso. Per le campagne 2023-2027 i fondi stanziati dovrebbero essere un miliardo e 460 milioni complessivamente per una quota annua di circa 290 milioni di Euro.  

Il dibattito si è concentrato in particolare su queste problematiche. Gli interventi degli agricoltori hanno sottolineato l’esigenza di adeguare i tempi della discussione e del confronto fra le parti  sul “piano di gestione dei rischi agricoli”- Condifesa, compagnie assicurative, Ministero, Conferenza Stato-Regioni – ai tempi dell’agricoltura e avere gli accordi per le polizze assicurative a inizio gennaio. A inizio marzo quest’anno ancora non ci sono e lo spettro di possibili prossime gelate – considerando anche l’andamento climatico con un inverno che non c’è stato – crea altra incertezza e tanta preoccupazione agli agricoltori che non sanno ancora cosa possono fare per l’assicurazione e chiedono il massimo impegno a tutti gli interlocutori e a Cia. Stefano Francia – presidente Cia Emilia-Romagna, vicepresidente Asnacodi e presidente del Condifesa Ravenna – ha sottolineato che a settembre 2023 la bozza del piano di gestione dei rischi c’era ma il Ministero (Masaf) in gennaio ha chiesto un nuovo Piano. La Conferenza Sato-Regioni dovrebbe riunirsi il 7 marzo. 

Per quanto riguarda Agricat era stato stabilito dal confronto fra le parti che intervenisse sul secondo rischio “e in questo modoha spiegato Misirocchisi sgravavano le compagnie di una parte del rischio catastrofale e, quindi, le capacità assicurative sarebbero state più ampie”. Successivamente, però, il Ministero ha deciso che Agricat interviene sul primo rischio. “La marcia indietro del Ministero, lasciando operare Agricat sul primo rischio, fa sì che le Compagnie non diminuiscano la propria esposizione al rischio catastrofale e, pertanto, i capitali a disposizione saranno molto limitati. La “102” in deroga non è la risposta per tutelarsi dai danni delle avversità: per la difesa passiva è indispensabile potersi assicurare”, ha concluso Misirocchi.

Le azioni che Cia sta portando avanti sono volte alla valorizzazione dello strumento della difesa passiva attraverso le polizze assicurative perché convinta, come lo sono i Condifesa, che non è con le deroghe alla “Legge 102” che si va verso una stabilizzazione del reddito degli agricoltori e si batte perché i tempi delle discussioni siano allineati con i tempi degli investimenti delle imprese agricole e dei lavori in campo o in stalla. Cia e i Condifesa presenti alla serata convergono sulla necessità di ridare fiducia a un sistema che pur con tutte le difficoltà può dare risposte alle aziende agricole pesantemente e sempre più ripetutamente colpite dalle calamità.

La serata di approfondimento svolta da Cia ha voluto informare i soci relativamente alla complessità della situazione e ha lo scopo di tenere alta l’attenzione su questo tema per lavorare sin da ora anche per il 2025 perché non si ripeta la situazione del 2024, che sancirebbe la fine del sistema assicurativo per le imprese agricole. L’interesse che l’iniziativa ha avuto anche a livello nazionale fra diversi enti fa pensare che anche questo appuntamento possa essere stato un contributo in tal senso. 

L’attenzione di Cia è anche sugli strumenti di difesa attiva, come dimostra un importante risultato riferito al bando per la prevenzione danni da gelate concluso a ottobre 2023. Le risorse complessive inizialmente assegnate su questo bando ammontavano a circa 1 milione di euro. Per finanziare tutte le domande presentate e ritenute ammissibili sono stati aggiunti ulteriori fondi per un ammontare che è arrivato a oltre 11 milioni di Euro. Questo risultato è stato ottenuto grazie alla battaglia politico-sindacale portata avanti da Cia e 2 milioni di euro – il doppio dello stanziamento complessivo iniziale – sono stati i contributi ottenuti dai soci Cia, che per il 60% riguardano i soci Cia delle province di Ravenna e Forlì-Cesena.

LE ILLUSTRAZIONI TECNICHE DEGLI STRUMENTI – SINTESI

Difesa attiva – Nel Psr 2023-2027 è cambiato il modo di impostare i bandi e le nuove domande riguardano gli investimenti per la competitività delle aziende agricole, sono bandi straordinari per far fronte alla crisi del settore ortofrutticolo e al fine di rilanciarlo la Regione Emilia-Romagna ha presentato un Piano di Rilancio per l’Ortofrutta. Stiamo parlando della difesa attiva e il Piano di rilancio è di circa 70 milioni di euro. 45 milioni per il 2024-2025 di cui 30 per le zone alluvionate e 15 per le altre e l’entità dell’aiuto sarà pari al 60% della spesa ammissibile: questa è una novità perché normalmente l’aiuto è fra il 40-45%. I bandi straordinari con i fondi dello Sviluppo rurale finanzieranno impianti arborei realizzati con materiale vegetale certificato, dotati di misure specifiche per l’adattamento ai cambiamenti climatici (sistemi antibrina, reti antigrandine, sistemi di irrigazione e raffrescamento) e alle nuove avversità fitosanitarie (reti di protezione dagli insetti).Inoltre ci sono 6 milioni di euro per la prevenzione dei danni da gelate e il contributo è al 70% delle spese ammissibili e l’uscita è prevista a breve. Si aggiungono poi circa 15 milioni nel biennio 2024 e 2025 dei Programmi operativi delle Organizzazioni di produttori. Anche questi fondi sono dedicati al settore ortofrutticolo.

Dando uno sguardo all’anno scorso, significativo il dato riferito al bando per la prevenzione danni da gelate concluso a ottobre 2023: circa 40 le domande a livello regionale Cia che hanno portato circa 2 milioni di euro di contributo distribuito per il 60% ai soci Cia delle province romagnole di Ravenna (50,3%, con 25 domande su 40) e di Forlì-Cesena (10%). Anche da questi dati si evince dove gli effetti delle gelate hanno generato maggiori danni. Le risorse complessive inizialmente assegnate su questo bando ammontavano a circa 1 milione di euro. Per finanziare tutte le domande presentate e ritenute ammissibili, sono stati aggiunti ulteriori fondi per un ammontare che è arrivato a oltre 11 milioni di Euro e questo risultato è stato ottenuto anche per la battaglia politico-sindacale portata avanti da Cia.

Agricat – Si tratta del Fondo mutualistico costituito per eventi catastrofali quali alluvione, gelo/brina, siccità a valenza nazionale. La dotazione finanziaria è di 350 milioni di euro all’anno e la copertura è alimentata per il 30% dagli stessi agricoltori, attraverso un prelievo obbligatorio dai contributi del Primo Pilastro Pac e per il 70% da fondi pubblici. Per il periodo 2023-2027 Agricat è destinato ai titolari di almeno una domanda Pac, oltre ad altri requisiti necessari fra i quali la dotazione del piano colturale dell’anno di riferimento. La domanda va presentata entro 10 giorni dalla data dell’evento catastrofale. Sono state approfondite le varie casistiche (assicurato, nuovo assicurato, non assicurato). La piattaforma Agricat è stata utilizzata anche per le richieste danni da alluvioni del maggio 2023 con alcune particolarità e occorre una precisazione sulle soglie di copertura che sono fino al 100% del danno: c’è il tema delle risorse disponibili che vanno messe in relazione alle domande. I pagamenti dovrebbero sbloccarsi fra fine marzo e inizio aprile. La riflessione se sia stato o non sia stato il metodo giusto ha portato a sostenere che è stato il metodo più veloce per far arrivare qualche risorsa alle aziende colpite dalle alluvioni che di risorse non ne hanno ancora viste; è stato un passo in questa direzione e i tecnici dei Caa Cia terranno monitorata ogni situazione. Cia nel suo insieme ha presentato su Agricat oltre 3mila domande e oltre 20 milioni di euro arriveranno/sono arrivati agli associati Cia. Solo come Cia Emilia-Romagna sono state 2.524 le domande di cui circa 1.500 per alluvione e circa 1.000 per gelo e per il resto d’Italia le domande Cia sono 832 (ad esempio la Toscana 18; il Veneto 28). Anche da questi dati si evince come si siano territorialmente distribuiti gli eventi catastrofali.

A questo link https://emiliaromagna-cia.it/wp-content/uploads/2024/03/Gestione-del-Rischio_Cesena_04-03-24-slide.pdf le slide relative agli argomenti sopra esposti presentati nel corso della serata dal vicedirettore di Cia Emilia-Romagna e consigliere CAA Cia nazionale Manuel Quattrini.

Difesa passiva – I Condifesa contrattano e stipulano per i soci con le compagnie assicurative e anticipano alle compagnie il 100% del costo del premio assicurativo per la tutela del reddito delle aziende. Sono state presentate le diverse tipologie di polizze da quelle che coprono l’insieme delle avversità (catastrofali + di frequenza + accessorie) alle varie combinazioni possibili.

Qui ricordiamo le tipologie di avversità: catastrofali: alluvione, gelo/brina, siccità; di frequenza: grandine, vento forte, eccesso di pioggia, eccesso di neve; accessorie, riunite dal 2023 in una unica avversità: colpo di sole/vento caldo/ondata di calore/sbalzi termici.

Per tutte le specifiche in materia è possibile consultare il sito del Condifesa Ravenna al link https://www.condifesa.ra.it/cenni-sull-assicurazione/.

Per i dati presentati nel corso della serata dal direttore del Condifesa Ravenna Fabio Pesci si rimanda alle slide al link seguente: https://www.condifesa.ra.it/wp-content/uploads/2024/03/Presentazione-04-03-2024.pdf

La Cia incontra gli associati. Oltre 500 i soci partecipanti ai 16 appuntamenti. Le manifestazioni dei trattori fra gli argomenti principali

Le assemblee del ciclo “La Cia incontra gli associati” sono partite in contemporanea alle manifestazioni spontanee del movimento dei trattori e sono state accompagnate dall’escalation della situazione. La fase che si sta attraversando, per certi suoi aspetti storica, ha fatto sì che negli incontri con gli oltre 500 soci abbia prevalso la parte politica su quella tecnica e le manifestazioni sono state fra gli argomenti principali. La fase di ascolto va ora assimilata, discussa e trasformata in proposte.

Nei confronti con i soci si è cercato di spiegare come Cia abbia deciso di muoversi in relazione alle manifestazioni puntualizzando anche che molti argomenti sono i temi portati avanti da Cia nei tavoli istituzionali. Su alcuni c’erano state aperture a livello nazionale e/o europeo prima (a novembre 2023) che iniziassero le manifestazioni dei trattori. È stato ribadito che Cia è l’associazione dei soci, sono i soci che fanno la Cia, non ha interessi di filiera e i dirigenti se li elegge da sola.

Una delle accuse rivolte a Cia è stata quella di non essere presente alle manifestazioni e di avere un atteggiamento attendista, ma la questione è anche più complicata di quanto sembri:  innanzi tutto occorre informare che il movimento dei trattori non voleva partiti e associazioni; inoltre ci sono state strumentalizzazioni del movimento dei trattori e antagonismi spinti con regie sottotraccia che sembrano condurre alla costituzione di un altro sindacato del mondo agricolo. Da un lato dunque la loro identificazione soltanto nella bandiera Italiana come una sorta di appello all’unità degli agricoltori, ma, dall’altro, le azioni sembrano portare a un’ulteriore frammentazione della rappresentanza del settore agricolo. Va tenuto presente poi che fra chi era in piazza si sono formati gruppi in contrasto l’uno con l’altro.

Le manifestazioni di primo acchito hanno generato molta attenzione e “simpatia” verso il mondo agricolo da parte dell’opinione pubblica e della stampa. Ora questa predisposizione sta scemando anche in seguito agli atti vandalici e violenti della manifestazione di Bruxelles.

Nel corso delle assemblee si sono valorizzate le azioni di Cia: dalla Conferenza economica, alla mobilitazione del 26 ottobre, all’assemblea nazionale, ai vari incontri con i rappresentanti del Governo e delle istituzioni europee e non è mai stato demonizzato chi va in piazza a manifestare.

Si è discusso dei tanti temi aperti, che qui citiamo per titoli: reddito agricoltori; necessità di revisione della Pac, in particolare per la burocrazia; manodopera; copertura del rischio; Tea (Tecnologie di Evoluzione Assistita); aree interne; calamità rimborsi al 100% senza lasciare fuori nessuno; gestione acqua e fauna selvatica.  

Decreto Milleproroghe

Sulla G.U. 28.2.2024, n. 49 è stata pubblicata la Legge n. 18/2024 di conversione del DL n. 215/2023, c.d. “Decreto Milleproroghe” contenente una serie di interventi riguardanti anche il settore agricolo.

Fra questi: ESENZIONE IRPEF REDDITI DOMINICALI E AGRARI 2024 E 2025; PROROGA RATE ROTTAMAZIONE-QUATER”; RIAPERTURA RAVVEDIMENTO SPECIALE; PROROGA OBBLIGO ASSICURATIVO TRATTORI.

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – mail: emiliaromagna@cia.it PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali –  Whistleblowing policy

WhatsApp chat